5 anni dopo il rebranding di Lasersoft raccontato dal CEO

Case Study

“A primo impatto, fare il restyling del brand per un imprenditore è come sentirsi dire che tuo figlio è vestito male”

È lo stesso Antonio Piolanti che lo ammette durante questa intervista in cui abbiamo raccontato qual è stato il percorso di rebranding del suo business, mettendo finalmente in risalto il suo brand.

Antonio è il fondatore e l’amministratore delegato di Lasersoft, una delle più importanti aziende in Italia nella produzione di software gestionali per diversi settori.

Abbiamo già raccontato il rebranding di Lasersoft e tutte le sue fasi tecniche in un precedente articolo che puoi leggere cliccando qui.

Questa volta vogliamo raccontare come abbiamo affrontato il lavoro sul brand di Lasersoft chiacchierando direttamente con il suo CEO.

Lasersoft nasce a Rimini nel 1988 e sviluppa software gestionali di alta qualità e allo stesso tempo semplici da utilizzare.
Il primo contatto con Antonio 5 anni fa non era per niente focalizzato sul suo brand, lui stesso non sapeva di volere un rebranding: Antonio voleva solo alcuni video (ai tempi Big Rocket faceva anche quello).

Come sua stessa ammissione, quando gli ho proposto l’idea di lavorare a un rebranding di Lasersoft il suo primo impulso fu quello di difendere il suo brand descrivendolo “perfetto così com’è”.

Per me era evidente che il rebranding fosse necessario per rendere più moderna un’azienda che ha 330 rivenditori in tutto il mondo, ma Lasersoft non voleva assolutamente toccare un logo e un’identità che l’avevano accompagnata e che vivevano bene già da più di 20 anni.

La paura di fare un rebranding era quella di perdere la riconoscibilità del brand stesso.

Per me era evidente che fosse quello di cui avevano bisogno, così ho deciso di insistere con la proposta di rebranding ad Antonio.
In qualche modo gli si è accesa una lampadina e qualcosa è cambiato.

“Quello che era una negazione assoluta è stata invece una delle cose più belle che abbiamo fatto negli ultimi anni”

Antonio Piolanti

L’operazione di rebranding era un lavoro a tutto tondo che toccava elementi importanti dell’identità visiva di Lasersoft, tra cui logo e payoff.

Il payoff è una brevissima frase che racconta l’identità dell’azienda e conferisce unicità al brand.
Quello che abbiamo scelto per Lasersoft è Touch a better tomorrow.

Queste poche parole evocano amore e fiducia nel futuro, rappresentano scelte che possono fare toccare con mano grandi risultati e la realizzazione dei propri sogni.
Ultimamente il payoff ha raccolto anche i complimenti di un ministro vissuto per tanti anni in America.

Sia noi che Antonio ne siamo molto orgogliosi, perché raccontare l’essenza di un’azienda in tre parole è proprio quello che dovrebbe fare il brand.

Antonio è un imprenditore che ha costantemente fame di miglioramento.
Quando 5 anni fa ha scelto di affidarsi a Big Rocket è perché ha compreso che un rebranding avrebbe fatto bene alla sua azienda, era un’opportunità che poteva alimentare la sua fame di miglioramento e infatti ha deciso di lanciarsi in quest’avventura.

“Credo che uno dei compiti dell’imprenditore sia finanziare la sua impresa e non usare la sua azienda come una mucca da mungere”

Antonio Piolanti

Il rebranding di Lasersoft è stato proprio questo: uno step del finanziamento dell’azienda.

Antonio mi ha anche raccontato che, seguendo questa sua filosofia, è riuscito a far crescere il suo business anche in quest’anno molto difficile per l’imprenditoria, quindi gli ho chiesto:
Se dovessi dare un consiglio agli imprenditori in questo momento, quale sarebbe?

La sua risposta, del tutto coerente con il tipo di imprenditore che è, è stata:

Investire.

Investire pensando a cosa poter fare per migliorare il proprio lavoro, come poter arrivare ai propri clienti. Se non conosco i miei clienti e non so cosa vogliono, come posso raggiungerli?

Noi ci rendiamo conto che se non lavorassimo per migliorare ancora (non creassimo nuovi software, mettessimo i dipendenti in cassa integrazione, e così via) creeremmo una spirale discendente che porterebbe ad una crisi più velocemente di quanto si possa pensare

Il CEO di Lasersoft non è solo un imprenditore coraggioso che, insieme a tutto il suo team, vuole alzare sempre di più l’asticella degli obiettivi aziendali, è anche un imprenditore che ha capito alla perfezione quanto sia importante avere un’idea e un brand da comunicare ai propri clienti. Solo così si crea la possibilità di sopravvivere anche agli anni più bui.

Il rebranding di Lasersoft è stato allo stesso tempo un passo importante e la ciliegina sulla torta di un’azienda già evoluta.

Author

Andrea Conti

Founder e CEO di Big Rocket

Best of the week

Il meglio dal nostro blog, scelto ogni settimana da voi lettori.

Case Study

5 anni dopo il rebranding di Lasersoft raccontato dal CEO

Leggi

Latest

Gli articoli più recenti e aggiornati.

Marketing e Posizionamento

Comunichi chi sei col Brand Positioning o vendi solo il tuo prodotto?

Leggi
Marketing e Posizionamento

Aumenta il fatturato del tuo E-commerce col Brand!

Leggi
Brand First Advertising - L'arte di comunicare il Brand su Facebook
Big News

L’arte di Comunicare il Brand su Facebook

Leggi

Categorie

Esplora il blog per area di interesse.

Pagina Ufficiale @bigrocketrimini

Canale Ufficiale Big Rocket TV