Rappresentazione grafica del funnel di vendita per aumentare le vendite su Facebook

Come vendere con la tua pagina Facebook – Parte 2

Big Lessons, Case Study By Nicolò Baioni - 1 febbraio 2017

Nel precedente capitolo vi ho raccontato le fasi preliminari per la creazione di una pagina Facebook in grado di vendere.

In questa nuova parte passiamo all’azione e vi mostro con quali campagne sponsorizzate Facebook creare un funnel di vendita.

Il Funnel di vendita

Già, un funnel. Che cos’è un funnel di vendita?

Il funnel di vendita consiste in un susseguirsi di fasi in cui il target di riferimento viene “accompagnato” all’acquisto. Ogni fase fa leva su approcci e messaggi differenti e coinvolge un numero di persone progressivamente più ristretto – ma anche più incuriosito dal prodotto, finché la vendita viene conclusa solo con i clienti veramente interessati.

Con la loro varietà di formati e obiettivi, le campagne sponsorizzate di Facebook si prestano in modo eccellente a creare una strategia digitale ad imbuto.

Grafica dettagliata della strategia funnel per vendere su Facebook

Considerazione del brand

La prima fase di questo processo è la considerazione del brand. L’obiettivo è sostanzialmente quello di far circolare il marchio Naj-Lo, di imprimerlo nella mente del consumatore e di creare una forma di familiarità. Immagino di sapere già a cosa state pensando: “servono grandi investimenti”. Impressione corretta! Il target è ancora ampio – nonostante un’accurata ipertargetizzazione siamo arrivati a un pubblico di 700.000 persone su tutta la nazione – e soprattutto l’awareness si consegue solo con una ripetizione del messaggio. Non posso rivelarvi i dati esatti, ma stiamo parlando di alcune centinaia di euro.

Ma Big Rocket è qui per parlare di creatività, non di soldi 😉

Gli strumenti più adatti a creare considerazione sono la campagna di acquisizione fan, la campagna di visualizzazione del video e, ovviamente, la campagna di notorietà del marchio. Il contenuto creativo veicolato nelle bacheche di tutta Italia è stato proprio un video promozionale patinato e dal sapore fortemente televisivo.

Il copy non deve essere orientato alla vendita, ma al prodotto e alla scoperta. Ricordate che il pubblico è esposto per la prima volta al marchio, non siate aggressivi con il messaggio.

Interesse per il prodotto

Abbiamo ora una platea di persone che ha sentito parlare degli smalti Naj-Lo. Facebook consente di isolarlo in modo molto efficace: è possibile creare un pubblico personalizzato basato sugli utenti che hanno visualizzato il video per oltre 30 secondi, un chiaro segno di interesse. Se aggiungiamo ad essi le migliaia di utenti che sono diventate fan della pagina, possiamo dire di aver raggiunto un target di dimensioni interessanti per proseguire all’interno dell’imbuto. Lo step successivo è far conoscere loro il prodotto e stimolare interesse.

Due sono le direttive principali: la prima, più tecnica, è la sponsorizzazione di articoli di blog che descrivono il prodotto. In questo caso si sono rivelate utili le conoscenze delle onicotecniche ufficiali Naj-Lo, nonché alcuni video-tutorial realizzati precedentemente. La seconda strada è la Canvas di Facebook, più emozionale e astratta. Questo strumento consiste in un microsito ospitato all’interno di facebook in cui il visitatore può interagire con testi e immagini. Un veicolo ideale di storytelling per entrare nel mondo della marca.

Entrambi gli strumenti contenevano delle call to action che indirizzavano all’ecommerce per scoprire la gamma di smalti.

Siete stanche di impazzire con gli Smalti a breve tenuta perché si rovinano subito? Allora è giunto il momento di…

Posted by naj-lo.it on Friday, November 4, 2016

Desiderio per il prodotto

Il pubblico si è ulteriormente ristretto, solo una parte di coloro che ha visto il primo video ha successivamente approfondito la conoscenza di Naj-Lo con articoli e Canvas. Ma c’è una buona notizia: Facebook ci viene incontro ancora una volta con il suo strumento Pixel, una stringa di codice da inserire all’interno del sito web che consente di intercettare i visitatori. Siamo quindi in grado di parlare a coloro che hanno già esplorato il sito, ed è il momento di cambiare stile comunicativo. Il copy può lasciarsi andare a inviti più espliciti a provare il prodotto.

Il tipo di campagna da usare è la link al sito web: mediante un carosello di immagini riportiamo il target sull’e-commerce per convincerlo ad acquistare lo smalto Naj-Lo.

Smalti semipermanenti Naj-Lo: 4 settimane di perfezione per le tue unghie, 50 sfumature per la tua personalità.

Posted by naj-lo.it on Thursday, October 27, 2016

È importante capire che a questo punto dell’imbuto il consumatore è naturalmente più predisposto all’acquisto. I tassi di conversione saranno molto più alti rispetto ad una campagna lanciata ‘a freddo’, senza alcuna attività di familiarizzazione.

Conversione

Per la felicità dei titolari, l’e-commerce di Naj-Lo registra le prime conversioni. I numeri sono ridotti ma abbiamo ancora alcune armi nel nostro arsenale. Non crederete mica che sia sufficiente un primo appello per concludere l’acquisto!

Nel corso delle settimane Big Rocket ha confezionato nuove pubblicità con differenti grafiche e copy, affinando le tecniche per arrivare al messaggio perfetto. Le segmentazioni elaborate nelle fasi preliminari del progetto sono ancora utili, ad esempio per confezionare un messaggio su misura per le estetiste o per il pubblico più giovane.

L’asso nella manica però è il remarketing. Vi è mai successo di essere perseguitati da pubblicità online di quei tappi per le orecchie che stavate per comprare su Amazon ma avete abbandonato all’ultimo minuto? Ecco, questo è il re-marketing. Attraverso il Pixel nominato poco fa, Facebook consente di proporre messaggi alle persone che hanno visitato determinate pagine dell’e-commerce ma non hanno concluso l’acquisto. La parte più affascinante di questa fase è che con un investimento minimo si ottengono tassi di conversione altissimi.

Il copy deve essere intelligente e fare leva sui possibili motivi per cui l’acquisto è stato interrotto. Servono sconti, garanzie aggiuntive? Con questo messaggio creato esclusivamente per i clienti più timidi, incontriamo le loro esigenze.

Hai già scelto il colore che ti distinguerà per le prossime 4 settimane? Lasciati ispirare dalla gamma di smalti Naj-Lo.

Posted by naj-lo.it on Thursday, December 8, 2016

La fine del funnel?

Le fasi del funnel hanno avviato un meccanismo efficace in cui le vendite e il fatturato dell’e-commerce aumentano a ritmo crescente. Ma questo non è affatto il termine degli investimenti pubblicitari! Le fasi iniziali di Considerazione e Interesse devono essere periodicamente rilanciate con un aspetto rinnovato, allo scopo di richiamare nuovi consumatori nel funnel. Ma soprattutto, il funnel non finisce con la prima conversione! Avrete potuto notare quanto sia costoso arrivare al fondo dell’imbuto. Dopo tutti questi investimenti per ottenere dei veri e propri clienti, volete lasciarli andare così?

C’è una quinta fase del funnel, che è quella di Fidelizzazione. Create messaggi personalizzati per chi ha comprato un vostro prodotto! Può trattarsi di contenuti informativi sull’acquisto recentemente effettuato, codici sconto da applicare ai nuovi prodotti della linea, scontistica per chi introduce un amico nel mondo Naj-Lo!

Un cliente acquisito costa molto meno di un cliente da conquistare 🙂

Immagine di copertina: illustrazione di Joe the Goat Farmer

Tag:, ,

Ti è piaciuto questo articolo?

Condividilo sui social!
Fai sentire la tua voce!